Posts contrassegnato dai tag ‘meno’


Veniamo oggi al consiglio n.2 sul risparmiare sulla spesa al supermercato.

Dopo aver visto gli acquisti di impulso, oggi ci concentriamo su un altro tipo di acquisto, dettato sempre dalle nostre emozioni. Gli “acquisti da bisogno apparente”.

Si tratta di acquisti fatti perchè si pensa di avere la necessità di un qualcosa, quando in realtà non ne abbiamo assolutamente bisogno. Si tratta di acquisti dettati da un bisogno momentaneo, che possiamo tranquillamente soddisfare magari dopo 10 minuti senza necessità di spendere nulla.

Tutto questo giro di parole per arrivare al consiglio n.2:

Andate a fare la spesa a stomaco pieno

Sembra una banalità, una sciocchezza. Ma provate a farci caso. Se abbiamo fame, se sentiamo lo stomaco lamentarsi, acquistiamo molte più cose del necessario, molte più cose di quelle di cui abbiamo bisogno.


Vi siete mai accorti che i supermercati, almeno al loro interno sembrano essere tutti quanti uguali? No?

Vi faccio un piccolo esempio. Provate a pensare al mercato dove di solito fate la spesa. Dove si trovano le batterie, i rasoi, ecc?  Vicino le casse! Dove si trova l’acqua? Anche questa in prossimità delle casse. E dove si trovano i prodotti più costosi (es. prodotti elettronici)? Vicino l’ingresso!

Ho indovinato? Posso andare a giocare al superenalotto?

No, non ho dei poteri paranormali. Solamente conosco qualche trucchetto che hanno ideato per farci spendere di più.

Intanto iniziamo a pensare , come già accennato alla posizione degli articoli nei supermercati. Non sono messi lì in modo casuale. Ma sono studiati per fare in modo che il cliente spenda più denaro possibile. Una cosa che accomuna tutti i supermercati è che le cose più piccole e costose (come possono essere ad esempio strumenti elettronici) si trovano all’ingresso del supermercato. Questo perchè all’inizio abbiamo, almeno psicologicamente, molta disponibilità di soldi e molto spazio nel carrello. Quindi tenderemo a comprare queste cose costose, ma essendo piccole non occupano molto spazio nel carrello, quindi dando sempre l’impressione che manchi qualcosa. Invece le cose meno costose, che magari possono rappresenta più uno sfizio che una necessità (come ad esempio cioccolatini e caramelle) si trovano alla fine, vicino le casse.

Oltre queste cose dobbiamo pensare che all’interno dello stesso scaffale c’è in genere lo stesso tipo di prodotto ma di marche differenti. Ad esempio proviamo a pensare allo scaffale della pasta. La pasta è presente solo in quello scaffale. Ci sono tutte le marche che vende il supermercato. Però possiamo notare una cosa. Tenderemo a comperare quella che si trova ad “altezza occhi”. Quella cioè che sicuramente vediamo facilmente. Non quelle in basso o quelle troppo in alto.

Capiti questi semplici ma basilari concetti, possiamo facilmente spendere meno, aggirando il marketing delle varie società.

A breve pubblicheremo qualche piccolo trucchetto per spendere meno. Non perdetevi i prossimi articoli!